Giovani costrette a prostituirsi sulla Caorsana: “maman” a processo

28 Dicembre 2021

Sfruttava e ospitava cinque lucciole nel suo appartamento di via Boselli, per tale motivo una nigeriana di 48 anni (già sospettata di essere la “maman” dei riti voodoo in un altro procedimento penale) è finita nel mirino della squadra mobile. Qualche giorno fa la Procura della Repubblica ha chiuso le indagini per questo caso che si avvia dunque alle fasi processuali. Gli investigatori della squadra mobile avevano appurato come, fra il 2016 e il 2017, la presunta maman potesse avere sotto controllo cinque lucciole nigeriane di età compresa fra i 21 e i 28 anni. Le cinque donne attendevano clienti sulla Caorsana la notte e di giorno riposavano in un appartamento di via Boselli sborsando, secondo la polizia, 135 euro in nero a testa ogni mese. Denaro che sarebbe stato incamerato dalla maman.

ALTRI DETTTAGLI NELL’ARTICOLO DI ERMANNO MARIANI SU LIBERTA’

© Copyright 2022 Editoriale Libertà