“Abito qua, non ho nulla”: casette occupate sull’argine di Borgotrebbia

05 Febbraio 2022

Casette occupate sull’argine di Borgotrebbia. Sembra una “città nella città” quella che viene segnalata da alcuni residenti nella località di Camposanto Vecchio: diverse abitazioni bianche, mai terminate, che vengono occupate da senzatetto e sbandati.

Di certo, le persone all’interno sono due. Tra loro, un uomo originario dell’Est Europa: “Ho 63 anni, arrivo dalla Bulgaria. Purtroppo sono disoccupato, ma non faccio del male a nessuno – ci tiene subito a rassicurare -. Vivo in Italia da diciassette anni, prima facevo l’operaio. Qua le cose non vanno bene, e non so dove stare. Da un paio di mesi sono entrato in questo edificio vuoto, alla sera cucino qualcosa con le bombole a gas. Un amico mi ha promesso che presto potrebbe trovarmi un lavoro… Lo spero”.

Alle spalle del bulgaro, c’è la “sua” casetta: un tavolo con le sedie, lo stendipanni, le pentole e le stoviglie. Si tratta, in realtà, di un’area privata: le abitazioni, una decina di piccole villette bianche, non sono mai state completate. Nel corso degli anni, il terreno è diventato un rifugio per alcuni vagabondi. Nei giorni scorsi, la polizia locale di Piacenza ha condotto una serie di accertamenti sull’occupazione abusiva delle casette, in sinergia con la questura. La comunicazione della notizia di reato è stata trasmessa alla Procura.

Le verifiche sono nate grazie al gruppo del controllo di vicinato: i residenti della zona, infatti, si sono rivolti al neonato Nucleo di polizia frazionale del Comando di via Rogerio per segnalare il viavai sospetto. “Questa situazione ci preoccupa, a dir poco. Non è un contesto rassicurante per chi passeggia lungo l’argine, perciò ci siamo rivolti alle forze dell’ordine”, fa sapere un cittadino.

La proprietà delle casette non rilascia alcun commento.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2022 Editoriale Libertà