Spi Cgil, apre lo sportello per i pensionati di Piacenza: “Voce ai diritti inespressi”

08 Febbraio 2022

Apre da domani, mercoledì 9 febbraio, lo “Sportello sociale” dello Spi Cgil di Piacenza: un servizio dedicato ai pensionati con l’obiettivo di far emergere i “diritti inespressi” dei cittadini anziani.

“E’ come se mettessimo a loro disposizione una bussola insieme a una calcolatrice, e utilizzando questo strumenti fornissimo alla persona una fotografia chiara, nitida dei propri diritti – spiega il sindacato – spesso possono esserci prestazioni non ancora richieste e a cui invece si avrebbe diritto perché in Italia, si sa, i diritti si ottengono “a richiesta”, nel senso che per accedere a una prestazione di qualsiasi tipo occorre richiederla nei modi giusti e agli uffici giusti”.

“Già oggi ci troviamo ad aiutare anziani impegnati in percorsi difficili nell’accesso alle prestazioni, ma con lo “Sportello sociale” che apre questa prima porta a Piacenza riusciremo a gestire la meglio le richieste dei nostri iscritti che, lo ricordiamo, a Piacenza sono oltre 14mila. Nello specifico – continuano i rappresentanti dei pensionati – lo “Sportello sociale” aprirà al primo piano della Camera del Lavoro, in via XXIV Maggio, 18, e vi si si accederà previo appuntamento da fissare al telefono chiamando, in orari di ufficio lo 0523/459750 oppure 459732”.

Si va da un controllo delle prestazioni di sostegno per la casa al bonus affitti, ma anche agevolazioni fiscali, il canone Rai, esenzioni del ticket sanitario e percorsi di amministrazione di sostegno. Su delega dell’interessato sarà possibile stampare il cedolino della pensione e ricevere tutti gli strumenti per essere accompagnati nei percorsi amministrativi.

Quando si accede al servizio, riservato agli iscritti allo Spi, è consigliabile portare la propria Isee o la dichiarazione dei redditi, il cedolino o ObisM per sapere se stai usufruendo delle opportunità, vantaggi e incentivi economici che lo Stato mette a tua disposizione.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà