Sarmato, dal 16 maggio in servizio il nuovo vigile di polizia locale

11 Maggio 2022

Fumata bianca per il nuovo vigile di polizia locale di Sarmato: dopo due assunzioni, altrettanti abbandoni da parte dei vincitori del concorso pubblico e ulteriori tre rinunce da altri soggetti in graduatoria che ne avrebbero avuto diritto, finalmente c’è un nuovo soggetto pronto ad occuparsi della sicurezza pubblica. Si tratta del 34enne Simone Bernizzoni, piacentino e residente a San Nicolò, che è stato scelto tra i nominativi della graduatoria messa a disposizione dall’Unione Montana Alta Val Nure. Sarà in servizio già da lunedì 16 maggio, iniziando un periodo di prova lungo sei mesi.

L’addio del precedente vigile – non senza polemiche – era stata seguito dall’apertura di una procedura di mobilità da un altro comune (con una richiesta che poi non si è concretizzata) e infine dall’accesso alla graduatoria concorsuale dell’Alta Valnure. Bernizzoni – decimo in graduatoria – ha accettato l’incarico per il posto di categoria C. “Sono contenta che finalmente si sia arrivati a questo obiettivo, riuscendo ad attingere forse all’ultima graduatoria disponibile nella nostra provincia” sottolinea il sindaco Claudia Ferrari.

“È il segno che c’è una grandissima richiesta di agenti e poche persone veramente disponibili. Adesso inizierà una fase di formazione e di affiancamento del nuovo vigile con l’aiuto e la collaborazione di agenti delle vicine amministrazioni comunali”. Il primo agente ad essere assunto nel dicembre 2021 dopo il concorso sarmatese era stato Giovanni Savino, seguito da Emanuele Baldanti: entrambi avevano lasciato dopo aver vinto altrove un altro concorso.

Intanto, però, l’amministrazione si è già mossa su altri fronti. “Da alcuni mesi è attivo un accordo con Metronotte Piacenza per la vigilanza degli edifici e strutture comunali nell’ambito del progetto “Sarmato Sicura” aggiunge Ferrari. “In questo modo, si potrà tenere più sorvegliato il territorio. Un’attenzione che si unisce ai controlli dei carabinieri e alla rete di telecamere appena potenziata”. Il servizio di pattugliamento del territorio dalle ore 22 alle ore 6 del mattino ha un costo complessivo di quasi 6mila euro e le guardie giurate hanno anche la possibilità, in caso di necessità, di accedere alle registrazioni delle telecamere in collaborazione con le forze dell’ordine.

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà