Lenzino, un anno di ponte Bailey. “Progetto del viadotto definitivo al ministero”

09 Luglio 2022

Il ponte provvisorio a Lenzino, lungo 54 metri e pesante 280 tonnellate, realizzato dalla ditta Pesaresi di Rimini, a un anno di distanza regge ancora senza aver dato al momento problemi in dodici mesi. Secondo quanto era stato annunciato all’apertura il 6 luglio 2021 dovrà garantire la viabilità sulla Statale 45 tra Cerignale e Marsaglia almeno fino a marzo 2023.

Ma a che punto è invece il progetto del ponte definitivo di Anas? “Anas è in attesa del parere definitivo del Ministero della Transizione Ecologica, nell’ambito della procedura di verifica di assoggettabilità a Valutazione d’impatto ambientale attivata nel settembre del 2021”, risponde la società.

Nel novembre del 2021 Anas ha avviato i lavori di recupero macerie e messa in sicurezza del ponte Lenzino crollato, completate a febbraio del 2022: “Gli interventi hanno riguardato l’installazione di un telaio metallico provvisorio in grado di assorbire interamente il peso dell’arco rimasto integro sulla sponda lato Piacenza e la spinta idraulica sulla pila, generata da una eventuale piena del fiume Trebbia”.

In concomitanza con la messa in sicurezza della campata ad arco l’intervento ha riguardato anche la rimozione della campata a travi in sinistra orografica, priva di interesse storico-artistico (in sostanza il “moncone” del ponte verso Cerignale).

“Prima e durante le lavorazioni sono state rimosse e catalogate tutte le macerie del ponte da personale specializzato e autorizzato dalla Soprintendenza, compreso il materiale di risulta dalle attività di demolizione della pila centrale crollata”.

Il servizio oggi su Libertà di Elisa Malacalza

Puoi riguardare qui lo speciale di Telelibertà sul crollo

© Copyright 2022 Editoriale Libertà