Acquedotto di Caverzago: livelli biologici tornati nella norma. Divieti ritirati

16 Luglio 2022

 

Sono tornati nella norma i valori biologici dell’acquedotto di Caverzago e così le undici località del comune di Travo finora colpite dal divieto di utilizzo dell’acqua potabile potranno tornare ad usufruirne senza problemi e in sicurezza. È stata infatti revocata l’ordinanza dello scorso 30 giugno che aveva riguardato nello specifico gli abitanti delle zone di Corbellino, Fugazza, Vei, Sodini, Costa, Calzarossa, Chiesa di Caverzago, Poggiolo, Dorba, Colombara di Dorba e Ronco Macchione.

Per due settimane, gli abitanti dipendenti dall’acquedotto di Caverzago sono stati costretti a rinunciare all’acqua dei rubinetti per uso domestico, a meno di non farla bollire per almeno 15 minuti o di sottoporla a processo di clorazione. Tutta colpa dei valori batterici riscontrati dal laboratorio d’analisi dai prelievi effettuati il 13 e il 27 giugno sull’acqua di Caverzago: numeri decisamente fuori limite che avevano obbligato il sindaco Lodovico Albasi ad una drastica ordinanza a tutela della salute pubblica.

Adesso, fortunatamente, la situazione sembra completamente rientrata: dall’ultimo prelievo d’acqua per le analisi, effettuato l’11 luglio, è emerso che “non risultano problemi batteriologici”. I risultati sono stati trasmessi il 14 luglio in Comune e, di conseguenza, è stata subito revocata l’ordinanza di divieto. Il divieto era piovuto sulla testa dei cittadini come una nuova restrizione in un momento in cui di pioggia ne è caduta pochissima, con una grave siccità che sta costringendo comunque a razionare l’acqua.

© Copyright 2023 Editoriale Libertà