“L’estate senza pioggia”, web reportage della Cattolica sull’emergenza siccità

19 Luglio 2022

Fiumi in secca, campi allo stremo, caldo record. La siccità che sta colpendo l’Italia sta mettendo a dura prova il sistema agroalimentare.

Dai 200 anni di storia del clima alle condizioni meteoclimatiche contingenti il passo è breve e soprattutto scientifico. Come quello realizzato dai docenti della Facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali dell’Università Cattolica di Piacenza, che hanno realizzato uno speciale incentrato sull’impatto dell’emergenza idrica che sta attanagliando la pianura Padana in questa torrida e siccitosa estate, e le ricerche in atto per contrastarla.

“Il compito che ci aspetta nei prossimi anni – spiega il professor Marco Trevisan, preside della Facoltà – è quello di elaborare misure di sostenibilità, per tutelare l’acqua nella sua totalità tramite una programmazione condivisa delle misure di prevenzione e salvaguardia. Il cambiamento climatico in atto ha creato alcune situazioni, che se non verranno adeguatamente contrastate, potranno creare pesanti ripercussioni sulla nostra vita e sulle attività agricole in particolare. L’aumento delle temperature, il cambiamento nella distribuzione delle piogge accompagnati alla cementificazione e al mancato ripristino della sostanza organica dei suoli stanno lentamente portando alla desertificazione di ampie aree, un tempo fertili e coltivate. Questo non è stato ancora pienamente compreso ma deve essere uno degli obiettivi dei prossimi anni della ricerca nel settore agrario”.

Dai biostimolanti alle tecnologie genetiche, dall’irrigazione a goccia all’ausilio dei droni, dalla limitazione degli sprechi in zootecnia all’impatto della scarsità d’acqua su olivi e vigneti. Uno studio approfondito dal titolo “L’estate senza pioggia” disponibile sul web e pubblicato sul Media Center dell’Ateneo “Secondo Tempo”, ricco di testi, immagini, video e podcast.

LA SINTESI DEL REPORTAGE SICCITÀ

© Copyright 2022 Editoriale Libertà