Camion a Gragnano, controlli della polizia locale. “Azioni difficili per ridurre il traffico”

06 Agosto 2022

Come ogni estate, Gragnano è “sotto assedio” da parte dei camion, in gran parte riconducibili all’attività della vicina azienda per la trasformazione del pomodoro. E così, il  sindaco di Gragnano Patrizia Calza cerca soluzioni e consigli da parte del comandante della polizia locale dell’Unione Bassa Valtrebbia e Valluretta Paolo Costa: assieme hanno fatto il punto della situazione ma l’inaspettata caduta del governo Draghi potrebbe aver compromesso l’applicazione di azioni mirate per ridurre il traffico.
I camion sono tornati a sfrecciare (spesso a forte velocità) in via Roma e vanno ad aggiungersi al traffico di chi si sposta verso colline e montagna. Così, la sindaca Calza e il comandante Costa hanno discusso delle problematiche legate all’intensificarsi del traffico in un’annata segnata anche dall’anticipazione della campagna del pomodoro a causa del clima estremo. “Si è parlato dell’organizzazione del servizio e del controllo del rispetto della normativa soprattutto al fine di assicurare la sicurezza stradale» fanno sapere dal Comune. «Proprio sul rispetto dei limiti e sul numero di controlli, il comandante fornirà una puntuale nota informativa a fine stagione, come era già avvenuto lo scorso anno”.
A sostenere l’azione della polizia locale dovrebbe contribuire l’arrivo di un nuovo agente, grazie ad una procedura concorsuale che l’Unione sta predisponendo.

“Il nuovo agente dovrebbe dare una mano in tempi brevi a gestire un servizio così complesso, in considerazione della vastità del territorio dei Comuni dell’Unione, che presentano diverse e molteplici criticità” sottolinea Patrizia Calza. “Intanto la caduta del governo allontana i tempi di approvazione del regolamento attuativo di modifiche normative al codice che avrebbero consentito l’utilizzo di strumenti di controllo che oggi non sono consentiti. Assieme al comandante ho voluto approfondire il tema della riorganizzazione del servizio, condividendo le priorità sul territorio gragnanese”.

Un altro step importante per l’Unione, già annunciato da tempo ma al momento ancora in stand-by, è quello del Piano Urbano del Traffico (Put) che sarà unico per i comuni di Rivergaro, Gragnano, Gossolengo, Rottofreno e Calendasco. “Alla conclusione di questo studio finanziato dall’Unione – conclude Calza – contiamo di avere indicazioni precise sui provvedimenti da adottare in termini di viabilità e messa in sicurezza”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà