Imu: il Comune di Piacenza incassa 32 milioni di euro. Previsti 2 milioni di evasione

20 Agosto 2022

Nel bilancio del Comune di Piacenza, aggiornato all’ultima variazione intervenuta con l’assestamento di luglio, si prevede di incassare quest’anno – sulla base del dato storico – Imu/Tasi (imposta sugli immobili più servizi indivisibili) per 32 milioni e 315mila euro, di cui si prevedono 2 milioni e 70 mila euro di evasione, sempre su base storica.

Altre voci sono di bilancio sono gli introiti previsti per l’imposta di soggiorno (230 mila euro), per la Tari, l’imposta sui rifiuti che dovrebbe portare nelle casse 21 milioni e 500 mila euro e qui si stimano circa 250 mila euro di elusione fiscale, a causa di omessa o infedele dichiarazione.

Infine si prevede un gettito di addizionale comunale Irpef per 8 milioni e 555 mila euro.
Le entrate tributarie, nell’insieme, incidono sul totale delle entrate correnti del Comune per più del 50 per cento e per circa il 26 per cento sul totale delle entrate. Il recupero: 8,2 milioni.

Guardando all’andamento storico degli anni passati, dal 2018 al 2021, le riscossioni Imu per evasione dei cittadini vedono ogni anno un incremento, la ricerca degli evasori non si ferma: ecco recuperato 1 milione di euro nel 2018, ma ben 4,3 milioni del 2019, un picco formidabile legato forse ad una causa legale, picco poi rientrato nei ranghi: 1 milione e mezzo recuperato nel 2020 e 1 milione e 100 mila euro nel 2021.

L’ARTICOLO SU LIBERTA’ ONLINE E IN EDICOLA

© Copyright 2022 Editoriale Libertà