I presidi oggi hanno migliaia di studenti. “E questo caos peggiorerà ancora”

04 Settembre 2022

I nuovi presidi contano più studenti dei cittadini di un piccolo comune. Una scuola sola a testa è impensabile, ora i presidi hanno sedi addirittura in province diverse (il caso Parma-Cortemaggiore), migliaia di alunni (2.400 tra Podenzano e Rivergaro, per fare solo un esempio) e nessun dono dell’ubiquità che possa risolvere questo stirato puzzle dei dirigenti scolastici. Teresa Andena resta preside del Raineri-Marcora, il campus di agraria alle porte della città; ma per non lasciare scoperto il servizio torna ad essere anche la guida delle scuole di Alta Valtrebbia.

Quanti studenti in tutto? “Ah, saranno almeno duemila. L’anno scorso erano di più, perché ero anche preside reggente nella popolosa Rivergaro-Gossolengo. Quindi superavo i 2.500 allievi. Già quest’anno il numero di dirigenti scolastici era striminzito, il prossimo sarà anche peggio. Non vengono autorizzate risorse in più, e intanto il numero degli studenti qui nel Piacentino non è per nulla calato. Il tanto invocato riequilibrio territoriale non è mai arrivato. Nel 2023 ci saranno poi pensionamenti da considerare nel quadro, tra cui il mio, ho 64 anni. Potevo andare in pensione due anni fa, a dire il vero, tra anni di professione e riscatto della laurea. Sono rimasta per amore del Raineri-Marcora”.

Tutta l’intervista di Elisa Malacalza oggi su Libertà

© Copyright 2022 Editoriale Libertà