Gerbido, successo per la marcia per l’Oipa. Attenzione ai cani “impegnativi”

13 Ottobre 2022

Ha riscosso successo l’iniziativa organizzata domenica scorsa dall’associazione “Noi di Gerbido, Mortizza e Bosco dei Santi” odv, con il consueto scopo benefico, in questo caso devoluto ad Oipa e alle sue guardie zoofile. Settanta in tutto i marciatori accompagnati dai loro fidi compagni a 4 zampe. L’occasione ha richiamato l’attenzione sulla tipologia molto diffusa dei cani tipo pitbull/amstaff, tanto facilmente ricercati, ma altrettanto facilmente poi abbandonati o portati in canile per incapacità di gestione.

Un appello forte arriva dalla coordinatrice provinciale delle guardie zoofile di Oipa Paola Monga, che invita i cittadini a valutare con attenzione l’adozione o l’acquisto di razze senza dubbio impegnative. Le guardie eco-zoofile, oltre ad avere compiti di vigilanza, sono a fianco dei cittadini per la formazione di proprietari più consapevoli, anche con il supporto di educatori cinofili, e invitano quindi a informarsi preventivamente sulle specifiche esigenze di questa razza, che, se negate, possono portare il cane a frustrazione e a conseguenti problemi comportamentali.

“Siamo stati felici di vedere tante persone interessate a cogliere questa occasione per saperne di più e a lavorare insieme al proprio compagno a quattro zampe per una relazione felice e duratura – hanno detto i responsabili di Oipa – ringraziamo in particolar modo Umberto Venezia e l’associazione “Noi di Gerbido, Mortizza e Bosco dei Santi” odv di Gerbido, il Comune di Piacenza per il patrocinio, la Croce Bianca che ha fornito l’ambulanza e l’equipaggio a titolo gratuito, lo sponsor Sitap per i gadget donati ai partecipanti, Pianeta Natura per aver fornito quattro premi ricchi di cibo e giochi per i nostri amici a quattro zampe, la Fbn industria grafica per le stampe gratuite, Cornelli Franco & C. Snc sistemi di sicurezza per la fornitura di un erogatore dell’acqua e il Circolo Anspi Maria Bambina per locali e lo spazio del giardino”.

© Copyright 2023 Editoriale Libertà