Rinforzi al tribunale di Piacenza: quattro giudici donne al debutto

30 Novembre 2022

Sono Francesca Gigli, Erisa Pirgu, Matilde Borgia e Anna Freschi i nuovi rinforzi del tribunale di Piacenza: quattro giudici che contribuiscono a colmare la carenza di personale. Sono stati presentati stamattina i nuovi magistrati che entrano in servizio nel nostro territorio. Grande emozione nella cerimonia di immissione in possesso, davanti al presidente del tribunale di Piacenza Stefano Brusati, al procuratore capo Grazia Pradella e al segretario dell’Ordine degli avvocati di Piacenza Giovanni Barbieri.

Pirgu, 33 anni, arriva da Milano ma è nata a Tirana in Albania ed è cresciuta a Palermo. Ha la doppia cittadinanza, suo papà infatti è albanese e la sua famiglia è emigrata trent’anni fa. Pirgu è anche una musicista, ha studiato pianoforte al conservatorio: una giudice-artista, con le radici anche fuori dall’Italia, destinata alla sezione del Gip.

Freschi, 30 anni, di Parma, va al dibattimento insieme a Borgia, 31 anni, di Milano, che – ecco la nota di colore – ha studiato sempre in tedesco, dall’asilo alle scuole superiori. Gigli arriva invece da Roma, ha 33 anni ed entra in servizio al Gip.

Oggi inoltre il tribunale di Piacenza ha salutato il giudice Sonia Caravelli, pronta al trasferimento a Siena. Secondo il presidente Brusati è “un ideale passaggio di consegne con i nuovi rinforzi, nel segno di professionalità, autonomia, indipendenza, etica del lavoro e spirito di servizio per risolvere i problemi del tribunale di Piacenza in maniera concreta”. Il procuratore Pradella ha ricordato che “il mestiere di magistrato donna è impegnativo” e ha augurato alle quattro giovani “un percorso dettato dal desiderio di rendere giustizia in modo responsabile e maturo”.

© Copyright 2023 Editoriale Libertà