Piacenza ai vertici per supermercati su abitanti. Nel 2022 “rosso” di 78 negozi

10 Aprile 2023

C’è un dato che evidenzia il carico di insediamenti commerciali a Piacenza e provincia. E’ il rapporto tra la superficie della grande distribuzione organizzata (Gdo) – vale a dire supermercati, ipermercati, centri commerciali – e la popolazione residente: in città siamo a 0,63 metri quadrati per ogni abitante, arriviamo a 0,69 mq in provincia. Il dato più alto in Emilia Romagna dopo Ferrara, che con 0,8 mq sta in cima alla graduatoria. In tutte le altre province il rapporto è inferiore al nostro: Parma 0,52 mq per abitante, Modena 0,49, Forlì-Cesena 0,45, Ravenna 0,42, Bologna 0,42, Reggio Emilia 0,39, Rimini 0,38. Di 0,48 mq pro capite la media complessiva nell’intera Emilia Romagna.

“Il nostro territorio risulta già fortemente saturo di Gdo e quindi non necessita di ulteriori nuovi insediamenti” sottolinea Confesercenti. Il tema è tornato a scaldare in queste settimane il dibattito politico locale nell’ambito della discussione in consiglio comunale sul bilancio di previsione. Confesercenti la sua posizione a favore della moratoria per tutelare i negozi di vicinato, manifestata ripetutamente in passato, la ribadisce con una nota che confronta i dati regionali degli insediamenti commerciali di Gdo con quelli locali. “Il nostro territorio risulta già pienamente strutturato con la presenza di tutte le tipologie commerciali”, osserva Fabrizio Samuelli, direttore provinciale dell’associazione di categoria, “il rapporto sul sistema distributivo evidenzia che alla fine del 2021 erano complessivamente presenti nel nostro capoluogo 56 negozi della Gdo tra supermercati, minimercati, grandi magazzini e grande distribuzione specializzata. Sul resto del territorio provinciale vanno aggiunti ulteriori 107 esercizi. Per un totale complessivo di 163 grandi superfici di vendita” che diventano 166 con i tre ipermercati. Il presidente provinciale di Confesercenti Nicolò Maserati afferma che “dai dati emerge chiaramente come il nostro territorio provinciale e soprattutto cittadino non abbia necessità di nuove grandi superfici di vendita”.

NEGOZI IN CALO – Persi 78 negozi nel 2022. E’ il saldo negativo a Piacenza tra le attività commerciali di vicinato che hanno aperto e quelle che hanno chiuso. Numeri che “segnalano per l’ennesimo anno un dato negativo”, commenta Confesercenti provinciale in una nota in cui rimarca che negli ultimi dieci anni la riduzione di negozi è stata di quasi 500 unità, per la precisione 488 essendo passati dai 3.350 del 2012 ai 2.862 del 2022. E a livello regionale il saldo negativo dello scorso anno è di oltre 1.500 attività, circa il 3% in meno.

© Copyright 2023 Editoriale Libertà