Arrivata l’acqua dal Brugneto. Zermani: “Pronti per un pozzo in Val d’Arda”

11 Luglio 2017

La tanto attesa acqua rilasciata venerdì 7 luglio a mezzogiorno dalla diga del Brugneto è arrivata a destinazione dopo 48 ore ed è stata incanalata per l’irrigazione dei campi piacentini assetati dal lungo periodo di siccità. “Speriamo piova al più presto – commenta Fausto Zermani, presidente del Consorzio di Bonifica – ma intanto, grazie a quest’acqua, l’agricoltura inizia a respirare”.

La situazione resta drammatica in Val d’Arda e Val Tidone. Venerdì scorso il Consiglio dei ministri ha pubblicato lo stato di crisi che consente di velocizzare le pratiche per gestire l’emergenza. “La palla è passata ora alla Regione Emilia Romagna – spiega Zermani – speriamo che possa pubblicare al più presto i decreti attuativi. Noi siamo già pronti per la perforazione di un pozzo in Val d’Arda nella zona di Lusurasco e per applicare i sistemi di captazione delle sorgenti del fiume. Così, speriamo di migliorare la situazione per salvare la campagna”.

 

Nella foto scattata a Rivalta è possibile notare la differenza di portata del Trebbia prima e dopo l’arrivo dell’acqua dal Brugneto.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà