Fonti rinnovabili, la Cina punta sui pannelli fotovoltaici galleggianti

07 Gennaio 2022

In Cina è stato attivato un impianto fotovoltaico galleggiante il triplo più potente del più grande impianto italiano, il record però spetta all’India

Lo scorso 3 gennaio in Cina è stato attivato il più grande impianto a pannelli fotovoltaici galleggianti del mondo. L’opera è stata realizzata dal gigante dell’energia Huaneng Power che nella provincia di Dezhou ha costruito e reso operativo un maxi impianto da 320 megawatt in mare. Un progetto avveniristico in grado di produrre complessivamente 150 milioni di kilowattora di energia all’anno, resistente a tifoni e corrosione marina. Il colosso cinese non intende comunque fermarsi qui, progettando parchi fotovoltaici più estesi in futuro.

Per dare un’idea della dimensione di questo parco “galleggiante”, basti pensare che l’impianto fotovoltaico più potente in Italia, quello di Troia in provincia di Foggia, si ferma a “soli” 103 megawatt. Circa un terzo di quello cinese.

La classifica degli impianti più potenti del mondo

La classifica degli impianti più potenti del mondo presenta comunque valori con altri ordini di grandezza. Al quinto posto si trova il parco fotovoltaico del deserto del Tengger, in Cina. Si estende per 1.200 chilometri quadrati e genera 1,55 gigawatt di potenza. Il quarto posto spetta all’Egitto con il suo impianto di Benban,  circa 650 chilometri a sud del Cairo: potenza complessiva di 1,65 gigawatt. Sul podio compare l’India con il parco fotovoltaico di Shatki Shtala, un progetto che una volta realizzato genererà 2 gigawatt di potenza estendendosi per 13mila acri. Secondo posto per il Huanghe Hydropower Hainan Solar Park, costruito e attivato in Cina nel corso del 2020. Una potenza complessiva di circa 2,2 gigawatt, con un costo complessivo di 2,3 miliardi di dollari. Al primo posto però si torna in India, con l’impianto solare di Bhadla: 14mila acri di pannelli fotovoltaici per una potenza complessiva di 2,25 gigawatt. Valori che danno l’idea della domanda di energia di queste nazioni, non paragonabili a quella di singoli Paesi europei, come l’Italia.

Nel 2020 la Cina ha battuto ancora una volta tutte le altre regioni del mondo per nuova capacità installata. Pechino ha infatti realizzato impianti fotovoltaici aggiuntivi per 482 gigawatt, contro i 193 degli Stati Uniti e i 190 complessivi dell’Unione europea e del Regno unito.

Nell’ambito del continente europeo, comunque, l’Italia si difende bene in termini di potenza installata. Dietro ai quasi 49mila GWh della Germania c’è infatti il Belpaese con quasi 25mila GWh, seguito dalla Spagna con meno di 16mila GWh.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà