Piacenza

Ultimo ma felice, domani per il Pro Piacenza altro esame di toscano

12 settembre 2014

Pro Piacenza-Forlì
Pronostico impossibile con questo Pro Piacenza che sembra aver trovato in via immediata la formula magica per ovviare al clamoroso handicap iniziale di otto punti. Una penalizzazione già ridimensionata ad un meno terrificante -2 e che domani a Pistoia (ore 14.30), in caso di ulteriore blitz esterno, potrebbe divenire soltanto un brutto ricordo. La squadra è partita oggi a ranghi completi alla volta della città toscana dove mister Lucarelli attende la matricola piacentina; domenica scorsa, l’ex idolo del Picchi di Livorno era al Garilli, dove ha osservato il Pro nel corso della travolgente vittoria ai danni del Forlì.
Non ci sarà per squalifica l’ex di giornata, quel Mungo che due anni fa, proprio da Piacenza, spiccò il grande salto nel calcio che conta.
Dalla parte opposta, mister Franzini non andrà a caccia di pericolose avventure e confermerà quasi certamente l’undici visto domenica: Iali confermato a guardia della porta, con Castellana e Sanè a completare il pacchetto arretrato in cui Silva e Bini saranno la coppia centrale. A centrocampo nessun dubbio: Aliboni detterà i tempi di gioco, con Porcino e la rivelazione Schiavini chiamati a pungere con i loro inserimenti. Un 4-3-3 mascherato, visto che le ali, Caboni e capitan Matteassi, fresco papà di Giulia nata in settimana, saranno chiamati al consueto lavoro in copertura, risparmiato invece a Omar Torri atteso però al primo centro di stagione.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Piacenza Sport

NOTIZIE CORRELATE