Non basta una bella Euroacque: la capolista passa anche al De Benedetti

21 Giugno 2015

IMG_2757-0.JPG
L’Euroacque fa paura alla capolista ma non riesce nell’impresa di infrangerne l’imbattibilità. Al De Benedetti finisce 9-7 per gli Old Rags che a questo punto pongono una serie ipoteca al successo finale nel girone. Il Piacenza deve più che altro recriminare sui propri errori visto che il divario con gli avversari non è apparso poi tanto evidente. Euroacque avanti 1-0 al 2° grazie agli errori ospiti ma subito Old Rags al sorpasso al 3° (2-1). I lombardi riuscivano a mantenere un esiguo vantaggio anche nella fase centrale ed era qui che Piacenza aveva più da recriminarsi viste le occasioni sciupate sulle basi per agguantare il pareggio ( si restava pertanto 4-2 al 5° e 5-3 fino all’8°). Grossi sussulti all’ultimo inning quando la squadra di Perdomo dava il peggio ed il meglio di sè sfiorando una clamorosa rimonta. Il peggio lo mostrava in difesa subendo 4 punti che sembravano affossare il match con un parziale di 9-3. Ma al cambio campo un Piacenza quasi condannato sfoderava per lo meno l’orgoglio portandosi ad un passo dal “miracolo”. Tre valide fruttavano 4 punti mettendo il Lodi in evidente difficoltà. Alla fine la capolista ci metteva la pezza ma mai nella stagione era apparsa così vulnerabile. Al Piacenza come detto il rammarico di non aver saputo raccogliere in proporzione a quanto seminato.

OLD RAGS 0-0-2-1-1-0-1-0-4 9
PIACENZA 0-1-0-1-0-0-1-0-4 7
Formazione: Rossi ss, Ozzola 2b (Bianchi), Anelli ri, Calderon ed, Cammi A. ec, Agosti 2b (Minoia), Macak 1b (Torti), Pinoia es, Borlini dh (Golzi). Lanciatori: Scorsoglio ( rl 6.2 bv 7 k 3 bb3 pgl 2), Rossi M. (rl 2.1 bv 6 k3 bb 2 pgl 4). All. Perdomo.
IMG_2756.JPG

IMG_2755.JPG

Notizia delle 10
Nel primo turno del girone di ritorno l’Euroacque di Orlando Perdomo tenta di dare scacco alla regina. Oggi al De Benedetti ( inizio ore 15,30) scende infatti l’imbattuta capolista Old Rags Lodi e in casa biancorossa c’è tanta voglia d’impresa. I lombardi stanno letteralmente “ammazzando” il girone e l’unico dispiacere stagionale lo hanno vissuto in Coppa Italia con l’eliminazione anticipata ad opera del Bovisio Masciago. Anche all’andata per l’Euroacque non ci fu scampo con una sconfitta per manifesta superiorità, maturata però in un contesto molto diverso rispetto a quello attuale. Allora si era al turno d’esordio con una squadra tutta nuova che si confrontava con una realtà altrettanto nuova come la Serie C. Da allora il Piacenza è cresciuto, trovando una sua quadratura forte anche di una serie positiva che dura da tre giornate. Con tre sconfitte al passivo le velleità di classifica sono quelle che sono ( al massimo si può inseguire il secondo posto facendo la corsa sul Milano) ma nella realtà dei fatti la squadra di Perdomo può ugualmente aspirare al tentativo di sbarrare la strada alla prima della classe. E poi una prova positiva contro Lodi sarebbe il viatico migliore in vista dell’ancor più importante appuntamento di domenica prossima con l’ottavo di finale di Coppa Italia ad eliminazione diretta contro i Grizzlies Torino.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà