Nodo fidejussione risolto

Pro Piacenza: i pagamenti non arrivano. Nubi sul futuro della società

19 ottobre 2018

Momento molto delicato in casa Pro Piacenza, con le dimissioni del direttore generale Mario Santoro arrivate ieri dopo meno di due mesi alla corte del presidente Maurizio Pannella. Proprio il numero uno rossonero oggi, venerdì 19 ottobre, era atteso al campo d’allenamento della tangenziale dove si sarebbe dovuta tenere una riunione con tutti i giocatori e lo staff tecnico. Un incontro che però non è andato in scena.

Ancora non è del tutto chiara la situazione legata ai pagamenti degli stipendi: stando alle informazioni raccolte, stipendi e contributi in scadenza al 16 ottobre non sarebbero stati pagati: se così fosse effettivamente, la società rischierebbe una penalizzazione in graduatoria. Non è finita: nelle ultime ore, lo spettro della messa in mora da parte di alcuni dei tesserati che vantano alcune mensilità di credito, pare che si stia facendo sempre più concreto.

Nel frattempo, nel tardo pomeriggio di oggi, il Tribunale Federale Nazionale ha accolto il reclamo presentato dalla società rossonera oltre a Matera, Reggina e Cuneo: la sentenza dell’organo di giustizia sportiva sancisce quindi la bontà della garanzia fidejussoria emessa dall’istituto Finword e presentata dal Pro Piacenza all’atto di iscrizione. Una buona notizia che, almeno momentaneamente, sgombera il campo da possibili ulteriori penalizzazioni.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Piacenza Sport

NOTIZIE CORRELATE