Gatti replica in diretta ad Alberto Burzoni sulla questione fusione: scintille a Zona Calcio

28 Gennaio 2019

Puntata turbolenta quella di Zona Calcio andata in onda lunedì 28 gennaio: Alberto Burzoni, ex presidente del Pro Piacenza, non si è sottratto alla raffica di domande cui è stato sottoposto nel corso della diretta che lo ha visto protagonista assoluto. Sulla cessione della società a Maurizio Pannella che l’ha condotta ad un passo dal baratro, ha detto: “Ci siamo fidati del marchio Seleco che campeggia sulle maglie della Lazio e di tante altre realtà sportive”.

Burzoni ha parlato anche dell’ormai “vecchio” capitolo legato alla fusione mancata con il Piacenza: “Voci di popolo dicono che sia stato il veto degli ultras a far saltare tutto”. Una dichiarazione che ha scatenato l’ira del presidente Marco Gatti, intervenuto in diretta via telefono per replicare: “Gli ultras sono la parte più sana del calcio e sono soltanto da ammirare per come stanno vicino alla squadra, ma non si venga a raccontare che siano stati i tifosi ad incidere sulle decisioni della società – ha tuonato Gatti che ha aggiunto -. In quel periodo Burzoni rappresentava solo il 25 per cento del club rossonero, ma il restante 75 percento, ovvero Scorsetti e Tacchini, non erano d’accordo sull’operazione. La verità è semplicemente questa”. Un dialogo accesissimo tra i due imprenditori con Burzoni che ha poi confermato come “non intendo più entrare nel mondo del calcio”.

E dopo le scintille della prima parte del programma condotto da Corrado Todeschi e Laura Fregoni, tanto spazio al calcio dilettantistico. Allo Spazio Rotative due protagonisti del momento d’oro della Castellana Fontana come Tommaso Lucini e Vincenzo D’Aniello, ma anche Davide Soressi, tecnico del Rottofreno, oltre a Umberto Borlenghi, dg del Gerbido, ed Emanuele Vezzoso, difensore della squadra cittadina.

Le repliche di Zona Calcio andranno in onda: martedì alle 9.00 e alle 17.00, alle 21.30 ma su Telelibertà 2 (canale 289); giovedì su Telelibertà alle 21.30 e sabato alle 23.45 su Telelibertà 2.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà