Era il 6 gennaio 1996

Venticinque anni fa la prima storica edizione della Placentia Marathon

7 gennaio 2021

Sono passati 25 anni da quel 6 gennaio 1996, quando la tenacia e la passione degli organizzatori Alessandro Confalonieri e Pietro Perotti (entrambi poliziotti) consentirono la nascita e li sviluppo di un evento sportivo che poi è diventato una colonna dello sport piacentino, fermato sul campo solo nella scorsa primavera a causa del Covid-19: la Placentia Half Marathon. A contribuire a ricordi già di per sé indelebili, la nevicata copiosa dei giorni scorsi, che subito ha fatto balzare alla mente il meteo a dir poco infame dell’edizione numero uno: neve alla vigilia, neve durante la notte e neve durante la gara. Ostacoli su ostacoli, dunque, che hanno messo a dura prova la resistenza di chi organizzava e di chi correva, entrambi accomunati da una straordinaria tenacia. Ma com’è nata la maratona a Piacenza? Ad aiutarci a rispondere è il diario pubblicato su Facebook dagli organizzatori, “un’agenda – spiega Confalonieri – che ho ritrovato l’anno scorso e da lì parlando con Pietro abbiamo deciso di farla riscrivere per ripercorrere le varie tappe”.

A vincere la prima edizione fu il bergamasco Davide Milesi, che fermò il cronometro sul tempo di 2 ore 24 minuti 32 secondi e fece il vuoto alle sue spalle, con Moustapha Boulboul e Giuseppe Simone (secondo e terzo classificato) arrivati rispettivamente a quasi 10 e oltre 11 minuti di distacco.

Dal “re” alla “regina”, Giuseppina Cecco, che vinse la maratona femminile con il tempo di 3 ore 3 minuti 53 secondi.

Diario della nascita della Placentia Marathon

© Copyright 2021 Editoriale Libertà

categorie: Piacenza Provincia Sport

NOTIZIE CORRELATE