Assigeco, cuore e grinta per domare Scafati in gara 3: adesso il sogno continua

27 Maggio 2022

Foto di Angela Petrarelli

Assigeco, per te il sogno continua. Con una prestazione tutta cuore e sostanza, Piacenza allunga la serie nella semifinale play off (tabellone argento) contro Scafati, rovinando la festa alla Givova, che sul 2-0 era venuta al PalaBanca con l’intento di chiudere il discorso qualificazione. Il 76-73 a favore della squadra di Stefano Salieri, però, ha rinviato ogni verdetto, rianimando ambizioni e speranze dei biancorossoblù. Ancora una volta, Devoe (21 punti, top scorer) e compagni hanno saputo stupire, piegando un signor avversario e stringendo i denti anche nei momenti difficili del match. Una vittoria, quella dell’Assigeco, meritata, con i locali capaci di resistere alle rimonte ospiti (dal 41-33 nel finale di primo tempo al 63-68 nell’ultima frazione), ribaltando la situazione nel finale e conquistandosi con merito il diritto di giocare gara 4 domani alle 18 sempre al PalaBanca.

Sotto gli occhi degli ex Luca Infante e “Pippo” Ricci (azzurro e giocatore dell’Olimpia Milano), l’Assigeco parte forte, scappando sul +4 con Sabatini (14-10), ma Scafati reagisce prontamente, ribaltando la situazione (16-22 a poco più di un minuto dal termine). La squadra di Salieri, però, non molla gli ormeggi e ricuce lo strappo con Pascolo e Sabatini (7 punti a testa nel primo quarto), andando alla prima sosta sul -1 (21-22). Nella seconda frazione, dopo una fase iniziale equilibrata, l’Assigeco si esalta: Galmarini è un leone e recupera qualsiasi pallone in difesa, mentre in attacco si esalta il giovane Gajic, autore di due triple consecutive (37-32, time out campano). Devoe ritrova il feeling dalla linea della carità, mentre il primo tempo si chiude con la “bomba” di Ikangi (41-36). Nella ripresa, la Givova prosegue l’onda dalla di- stanza, arrivando al -1 (46-45), poi Devoe infila solo un libero su tre, salvo poi rifarsi con un bel canestro. Ancora una volta, Scafati rialza la testa, sorpassando con Daniel (51-52) e allungando con l’ex Rossato (tripla del 51-55). Gli ospiti sono in cattedra grazie al tiro da tre, mentre l’Assigeco è in difficoltà nella strada che conduce al canestro. Devoe (19 punti) ci mette una pezza e limita il disavanzo bianco rossoblù all’ultima sosta (58-63). Bellan apre il quarto conclusivo con una tripla, subito imitato da Cournooh, che poi trova il canestro del +5 (63-68, time out Salieri). In tre occasioni, Piacenza non sfrutta il possesso per un eventuale -1 o aggancio, un aspetto che moralmente pesa non poco. Il canestro lo fa Sabatini (67-68), poi Kohs confeziona il sorpasso (69-68), mentre lo stesso play bolognese trova la tripla “da casa sua” (72-70).

Il PalaBanca si infiamma per poi esaltarsi con la bomba di Kohs (75-70 a 1 minuto e 12 secondi dalla sirena). Time out Scafati, poi Rossato tiene vive le speranze campane (75-73 a 35 secondi dalla fine). Sosta locale, Gajic recupera un pallone d’oro, Kohs infila un libero su due e dà il via alla festa.

ASSIGECO 76 GIVOVA SCAFATI 73

(21-22, 41-36, 58-63)

ASSIGECO PIACENZA: Devoe 21, Gajic 6, Pascolo 17, Guariglia 3, Sabatini 16, Bellan 5, Khos 8, Seck, Galmarini, Querci. All.: Salieri

GIVOVA SCAFATI: Mobio 5, Daniel 10, Cournooh 12, Monaldi 7, Ikangi 3, Parravicini 3, De Laurentis 2, Clarke 9, Rossato 15, Cucci 7. All.: Rossi

ARBITRI: Patti, Centonza e Capurro.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà