Causano lenta agonia

Spugne avvelenate come bocconi per cani, la denuncia di residenti della Farnesiana

14 settembre 2018

Una spugna grande e gialla fatta a pezzi, impregnata di liquido antigelo e lasciata in un giardino pubblico affinché un cane, attirato dall’odore dolce del veleno, ingerisca il boccone e muoia lentamente e dolorosamente. È questo uno dei modi per uccidere cani e altri animali domestici che ultimamente viene utilizzato da persone prive di scrupoli.

Una residente del quartiere Farnesiana ha contattato la nostra redazione per denunciare il ritrovamento di una manciata di pezzi di spugna imbevuta di antigelo nel giardinetto di via Calciati all’angolo con largo Erfurt.

“Abitando nei paraggi io e Mia, il mio pitbull di colore bianco, andiamo spesso in quei giardinetti. La scorsa settimana ho notato appena arrivata i pezzetti gialli sparsi sul verde. Con altri padroni abbiamo rimosso immediatamente le spugne e le abbiamo fotografate per denunciare ancora una volta questi gesti sconsiderati e vigliacchi”.

Secondo la donna non è la prima volta che avvengono fatti del genere: “Alcuni residenti mi hanno detto che non tanto tempo fa furono ritrovati bocconi di carne avvelenati proprio in questo giardino. D’ora in poi starò molto più attenta. Per colpa di qualche criminale adesso ho più ansia quando porto fuori Mia. Non capisco il motivo di questi gesti. Che male fanno dei cani indifesi e per di più al guinzaglio? Certamente io e altri padroni saremo più vigili e attenti per salvaguardare i nostri animali e ovviamente denunceremo eventuali altri ritrovamenti alle autorità competenti”.

© Copyright 2018 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE