Tokyo 2020, anzi 2021: le Olimpiadi in un piatto

Di Debora Saccardi 05 Agosto 2021

 

Le Olimpiadi stanno giungendo al termine, gli ultimi giorni di gare e l’8 agosto calerà il sipario, anzi inizieranno le paralimpiadi e arrivederci a Parigi 2024.

Sull’onda dell’entusiasmo per i traguardi raggiunti dagli atleti italiani e non solo, in questi giorni mi sono chiesta più volte quale piatto potrebbe rappresentare al meglio i giochi olimpici, i paesi partecipanti ed esprimere al meglio i valori di questa manifestazione.

A qualcuno potrà sembrare strano ma si sa, che le idee spesso si nascondono dove meno ce lo aspettiamo!

Così ho cominciato a pensare e ho ascoltato alcune interviste. E’ emerso che l’arciere italiano Nespoli ha la passione per la pizza con impasti a lunga lievitazione, mentre l’altista Barshim fa colazione con un bel panino a base di marmellata, wusterl e uova. Un punto di partenza ma a me serviva qualcosa di diverso.

Indecisa tra pizza, gyoza, Club Sandwich, un colorato e profumato minestrone, ho deciso di puntare su quest’ultimo. Perché? È una preparazione che accomuna nazioni, paesi, popoli. Non è solo un piatto tipico delle cucina regionale italiana ma una ricetta che riscopre il suo aspetto più meltinpot e cosmopolita. Infatti è realizzato con ortaggi e legumi che hanno origini lontane, c’è chi lo fa più ricco chi più povero, soprattutto c’è chi lo attualizza al contesto, alla propria cultura o sperimenta sapori nuovi aggiungendo alcuni ingredienti come mais, manioca, batata, shitake, alghe. Inoltre a scapito di chi lo ritiene semplice, il minestrone in realtà è una delle preparazioni in cui tecnica, precisone di taglio e giusti tempi di cottura hanno una notevole importanza e tutto questo mi fa pensare all’esecuzione, al gesto tecnico, alle tempistiche creando così una sorta di parallelismo tra cucina e sport.

Minestrone freddo estivo

Il minestrone non serve solo a scaldarci dalle temperature più fredde e rigide. Pensate alle primizie primaverili e soprattutto alla varietà di verdure che la stagione estiva mette a disposizione. Insomma il minestrone è versatile, flessibile e si adatta a tutte le stagioni. È variegato, porta con sé il concetto di coesione e complementarietà, crea un insieme di sensazioni gustative che si completano l’un l’altra, valorizzando le singole unità per il tutto, proprio come una squadra. Il cromatismo inoltre rende bene la moltitudine di colori delle bandiere che rappresentano i vari paesi in gara.

Io ho deciso di proporvi il minestrone in versione fredda, volendo potete servirlo anche tiepido.

Se i ceci neri non vi piacciono, sostituiteli con i fagioli.

Se invece amate sapori più speziati, aromatizzate il vostro fondo o brodo con peperoncino, zenzero, curry o curcuma.

 

Ingredienti per 4- 6 persone Quantità
Cipollotto bianco n. 1
Sedano verde n. 1 costa
Carota n. 1
Zucchina n. 1
Fagiolini verdi g 80
Peperoni dolci piccoli n. 4
Pomodorini n. 8
Patate g 250
Zucca tipo moscata g 250
Ceci neri sgocciolati (in scatola) g 120
Melanzana g 100
Olio extravergine d’oliva g 80
Prezzemolo fresco n. 3 rametti
Basilico fresco n. 3 rametti
Aglio n. 1 spicchio
Fondo vegetale l 2
Sale fino, pepe nero macinato un pizzico

 

Procedimento

Lavare e pulire bene tutti gli ortaggi. Tagliare il cipollotto a lamelle sottili tipo filanger.

Tagliare sedano, carota, zucchina, peperoni, patate, zucca e melanzana a cubetti regolari di 0,5 cm. Tagliare i fagiolini a pezzetti di 1 cm. Svuotare i pomodorini dai semi, tagliarli a spicchi e poi nuovamente a metà seguendo la larghezza.

Lavare, asciugare e tritare le erbe aromatiche. Pelare, togliere l’anima e tritare l’aglio. Unire i triti e aggiungere 20 g di olio. Tenere da parte.

Spadellare il cipollotto per 3 minuti, sedano, carote, peperoni e zucchine per 5 minuti, melanzana per 7 minuti. Sbollentare separatamente patate, fagiolini, zucca per 5 minuti. Far raffreddare.

Mettere il fondo vegetale in una casseruola o zuppiera. Aggiungere gli ortaggi e i ceci.

Servire il minestrone con l’olio aromatizzato.

 

Consiglio della chef: gli scarti di prezzemolo, cipollotto, sedano, carote, zucchine, patate e zucca si possono riutilizzare per preparare il fondo vegetale. Le foglie del sedano lavatele bene e affettatele per insaporire il minestrone.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà