L’uragano Rebecchi Nordmeccanica si abbatte su Robur Urbino. Le foto

10 Aprile 2014

20140410-213033.jpg

Autoritaria e spietata: Rebecchi Nordmeccanica spazza via Robur Urbino con disarmante semplicità. La differenza di valori tecnici e fisici tra le due contendenti si è palesata in maniera debordante in un match assolutamente senza storia: gara-1 si chiude con un 3-0 che sembra spalancare alle piacentine le porte della semifinale. Già, perché appare del tutto improbabile che la formazione di Stefano Micoli, domenica prossima (ore 18) nel palazzetto marchigiano, possa cambiar pelle in maniera repentina e salvarsi da un’eliminazione che pare inevitabile.

C’è battaglia, se così la vogliamo chiamare, soltanto nel primo parziale, quando la squadra ospite rimane aggrappata all’incontro fino a quando, al tramonto del parziale, il muro biancoblu diviene insormontabile. In campo Flortie Meijners, al rientro dopo lo stop di settimana scorsa, trova con il trascorrere dei minuti la forma migliore, così come tutto il pacchetto di Gianni Caprara: Rebecchi Normdeccanica nel secondo set lascia Negrini e compagne a quota 13. Nel parziale conclusivo, una sola squadra sul parquet del Palabanca: dalla linea dei nove metri le campionesse d’Italia fanno il bello e il cattivo tempo, specie con la Meijners che centra una serie infinita. Caprara getta nella mischia anche le seconde linee, Virginia Poggi compresa, mentre Urbino con la testa è già negli spogliatoi: il set conclusivo termina 25-9!
Nell’altra gara che completava il quadro delle prime partite dei quarti di finale, Novara ha sconfitto per 3-1 Modena.

REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA – ROBUR TIBONI URBINO 3-0 (25-18; 25-13; 25-9)

Aggiornamento secondo set
Troppo evidente la differenza di valori in campo: Rebecchi Nordmeccanica conquista anche il secondo set e viaggia a vele spiegate verso la conquista del primo punto della serie. Robur Urbino nel secondo parziale si ferma addirittura a quota 13 punti.

REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA – ROBUR URBINO 2-0 (25-18; 25-13)

Aggiornamento primo set
Ci pensa Flortie Meijners a mettere a terra il pallone del 25-18 che consente a Rebecchi Nordmeccanica di conquistare un primo set scivolato via senza sussulti e con le piacentine a condurre le danze dall’inizio alla fine.

Notizia delle 20.30
Squadre in campo al Palabanca per gara-1 dei quarti di finale dei play off scudetto. Coach Gianni Caprara schiera il sestetto tipo: Ferretti in cabina di regia con Van Hecke opposto; Leggeri e De Kruijf sono le centrali, Meijners e Bosetti in banda con Sansonna libero.

20140410-204112.jpg

Notizia delle 8.30
Dopo il clamore suscitato dall’annunciato addio di coach Giovanni Caprara al termine della stagione, per lui sembra certa la destinazione al ricco campionato turco, Rebecchi Nordmeccanica si rituffa nella lotta scudetto. Questa sera, dalle 20.30, la dominatrice assoluta della stagione regolare ospita Robur Urbino per gara-1 della serie valevole per i quarti di finale dei play-off tricolore. Si gioca al meglio delle tre partite e la classifica al termine della regular season parla chiaro: 28 punti di differenza tra le campionesse d’Italia e il gruppo di Stefano Micoli per una sfida che non può certo creare apprensioni in casa piacentina. Torna nel sestetto titolare anche Flortie Mejiners: sarà una Rebecchi Nordmeccanica al gran completo quella che si appresta a ripercorrere una strada che conosce alla perfezione.

Sempre questa sera, in campo per gara-1 anche Novara che ospita Modena. Tornando però alle sorprese, roboante avvio di play off per Busto Arsizio: le “farfalle” espugnano il palazzetto di Bergamo e lasciano a zero Foppapedretti; è un secco e preventivabile 3-0 anche quello che rifila Conegliano a Pomì Casalmaggiore cui non basta l’impiego della Aguero per sperare nel miracolo.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà