La sbornia si fa sentire: il Pro Piacenza cade ad Alzano Lombardo

27 Aprile 2014

Alzano-Pro Piacenza - Piccolo

In formazione assolutamente inedita, il Pro Piacenza fresco di “scudetto” cade sul campo dell’Alzano Cene per 1-0. Decide un calcio di rigore realizzato da De Angelis al 17′: un penalty concesso per un fallo commesso in piena area da Feher su Alberti con conseguente cartellino giallo. Un’ammonizione che risulterà letale perchè il difensore poco dopo termina nuovamente sul taccuino arbitrala e lascia i rossoneri in inferiorità numerica. Tenderini, con un super intervento nel corso della ripresa, evita il 2-0 che arriva peró poco più tardi nuovamente ad opera di De Angelis. Matteassi rende meno pesante il passivo all’ultimo istante.
Domenica prossima, i rossoneri chiudono il torneo al Siboni: ospite il tranquillo Caravaggio.

Notizia delle 15.40
L’Alzano Cene passa in vantaggio su di una capolista un po’ svagata dopo il trionfo della scorsa settimana. A firmare il gol dell’1-0 è De Angelis al 17′ su calcio di rigore causato da un fallo di Feher su Alberti. Al 38′, lo stesso Feher guadagna il secondo cartellino giallo: Pro in dieci uomini.

Notizia delle 15
Si tratta di una domenica di pura passerella per il Pro Piacenza che, ad Alzano Lombardo, arriva con lo “scudetto” già cucito sulle maglie rossonere. Chiaro come la squadra di Franzini voglia onorare fino in fondo un campionato vissuto alla grande, ma altrettanto comprensibile come il tecnico di Vernasca voglia concedere il palcoscenico agli interpreti meno utilizzati in stagione. Dall’1- maggio prossimo invece, il Pro sarà impegnato nella conquista del titolo nazionale di serie D con tutte le altre squadre vincenti nei rispettivi gironi. Queste le formazioni in campo:

ALZANO CENE: Lazzarini, Mingardi, Micheletti, Guerci, Frank, Vigani, Alberti, Zanga, De Angelis, Faroni, Lo Iacono. All. De Paola
PRO PIACENZA:Tenderini, Santi, Melegari, Silva, Feher, Jakimovsky, Cortesi, Pessagno, Pasaro, Piccolo, Bignotti. All. Franzini

© Copyright 2021 Editoriale Libertà