Ritira la pensione, due ragazze la fermano: “Signora è sporca”, ma lei tira dritto

03 Febbraio 2016

anziani truffa

Me la sono vista brutta, quelle due ragazze sono saltate fuori dal nulla”. A parlare, con la voce che ancora trema, è una piacentina vittima di quello che lei stessa definisce “un tentato furto”. Il colpo è andato a vuoto grazie alla prontezza della donna che ha riconosciuto lo stratagemma utilizzato dalle due ragazze.

“Mio marito è morto pochi mesi fa e io sono andata in Posta per ritirare la pensione di reversibilità – ha spiegato – probabilmente mi hanno seguita mentre tornavo a casa”.
La via era deserta e un attimo dopo ecco apparire dal nulla due giovani donne: “Non avevano neppure 25 anni e parlavano bene l’italiano, mi sono venute vicino mentre stavo per suonare il campanello di mia cugina”. “Mi hanno detto “Signora, signora, è tutta sporca!” ma io avevo già letto di casi simili sul giornale, ho subito pensato che potessero essere due ladre e allora ho stretto la borsa e non ho dato loro retta”.

Il tempo che la cugina aprisse il cancello e Maria si è infilata subito nel cortile: “Quando le due donne hanno capito che non potevano rubarmi la borsa e la pensione, hanno tirato fuori una bomboletta, mi hanno sporcato tutto il giubbotto e se ne sono andate”.

Il fatto è avvenuto lunedì mattina in una traversa di via Pietro Cella.

TUTTI I DETTAGLI SUL QUOTIDIANO LIBERTA’

© Copyright 2021 Editoriale Libertà