Leishmaniosi, l’Ausl: “Casi in continuo aumento nei cani”. Pericoli per l’uomo

11 Aprile 2016

cane

Sta aumentando in modo esponenziale nel Piacentino la leishmaniosi canina, malattia parassitaria che colpisce principalmente i cani, ma può essere trasmessa anche all’uomo.  Si tratta di una patologia che, se non curata, può portare addirittura al decesso. Per questo motivo l’Ausl di Piacenza insiste sull’importanza della prevenzione. Tra le misure più valide per proteggere il proprio cane ci sono i collari antiparassitari o i repellenti da applicare sul corpo. Inoltre, sarebbe meglio far dormire al chiuso l’animale. E’ molto importante anche fare attenzione ai sintomi, in particolare un dimagrimento anomalo e lesioni cutanee, che richiedono subito una visita di controllo da parte del veterinario. Già da diversi anni gli specialisti segnalano la diagnosi di leishmaniosi all’Ausl ai fini statistici e i casi – spiega il dottor Alessandro Chiatante – sono in continuo aumento. Nel 2015 nel Piacentino sono stati segnalati 18 cani affetti, nel 2014  erano 5.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà