Reclama 12 voti in più

“Ricontare le schede del seggio di Borghetto”, ok al ricorso di Samuele Raggi

22 novembre 2018

Le urne elettorali verranno riaperte”. Dopo i risultati delle amministrative 2017 di Piacenza, l’assetto del consiglio comunale potrebbe cambiare tra i banchi della minoranza. Ieri mattina, il giudice istruttore Evelina Iaquinta ha disposto il riconteggio delle preferenze che reclama Samuele Raggi, candidato nella lista “Con Rizzi la Piacenza del futuro”, ottenendo 124 voti totali e risultando secondo tra i non eletti dietro al “collega” Gianluca Bariola. A detta sua, però, quei voti avrebbero dovuto essere 136 (due in più di Bariola). L’anomalia – stando alla ricostruzione di Raggi, già esponente dell’Italia dei valori – riguarderebbe il seggio di Borghetto. Se questa versione fosse confermata, Raggi avrebbe diritto a entrare in consiglio comunale al posto di Bariola, che poche settimane fa ha rimpiazzato a sua volta l’ex candidato a sindaco Paolo Rizzi (dimessosi dalle fila dell’opposizione).
“Alla prefettura è stato dato l’ordine di portare il plico di Borghetto in tribunale, dove verrà custodito in cassaforte – spiega l’avvocato di Raggi, Marco Malvicini – ed è stato inoltre nominato un consulente tecnico che provvederà ad aprirlo e a verbalizzare il contenuto delle schede”.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Economia e Politica Piacenza

NOTIZIE CORRELATE