CompraPiacenza, Chiappa: “Esercenti in aumento, anche grazie al passaparola”

21 Marzo 2021

“Per noi CompraPiacenza è innanzitutto un progetto formativo e di sensibilizzazione agli associati e ai commercianti verso un mondo nuovo, quello della vendita attraverso l’online”. Esordisce così Raffaele Chiappa, presidente di Unione Commercianti Piacenza, nel fare il punto sulla vetrina virtuale frutto di una iniziativa di Editoriale Libertà e Altrimedia, in collaborazione con Comune di Piacenza, Camera di Commercio e associazioni di categoria, Cna, Confesercenti e ConfCommercio. La piattaforma, partita durante il primo lockdown dello scorso anno con l’intento di dare un sostegno all’economia locale, consente gratuitamente a tutti gli esercenti di registrarsi e di inserire la propria attività e i propri prodotti, e ai visitatori di navigare attraverso i cataloghi, per formulare una proposta d’ordine e di contattare l’esercente per concordare le modalità di pagamento e di consegna.

Un sistema in crescita, sia nelle iscrizioni di negozi che di visite, spiega Chiappa: “Nell’ultimo mese è aumentato del 15% il numero di esercenti, già presenti, che hanno deciso di inserire il proprio catalogo, e questo indica che c’è una evoluzione degli stessi commercianti che dopo un inizio con la sola vetrina del negozio ora hanno deciso di mettere anche i prodotti”. Poi le visite: “Sono in aumento, e questo è un altro dato positivo”.

Incrementi dovuti alla bontà del progetto e alla importante campagna di comunicazione che Altrimedia e Libertà hanno messo in campo per dare un contributo fattivo all’iniziativa. Ma non è merito solo della pubblicità istituzionale: “Anche il passaparola è diventato uno strumento importante – prosegue il presidente dell’associazione -, perché i commercianti parlano tra di loro e chi ha avuto benefici li racconta ai colleghi che in questo modo decidono di aderire”.

Gli iscritti, soprattutto quelli più timorosi delle nuove opportunità offerte dal web, e chi non ha ancora fatto il salto, non vengono lasciati soli, ma seguiti e istruiti.
“Come associazione dedicheremo una risorsa all’affiancamento – prosegue Chiappa – che andrà a visitare gli associati per spiegare loro il progetto e aiutarli a prendere confidenza con lo strumento”.
La presenza sulla vetrina virtuale di Compra Piacenza, gratuita per i commercianti e senza commissioni di acquisto per i clienti, diventa quindi un passaggio inevitabile per cercare di mitigare il calo di fatturato indotto da chiusure e impedimenti alla mobilità. “Esserci, in questo momento, anche se in un modo semplice con un sistema abbastanza immediato e diretto, può far capire che è il momento di investire in una strada che rappresenta una integrazione sempre più importante tra il commercio tradizionale e quello online”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà