Fedex-Tnt: “Agenzia per i lavoratori di Piacenza”. SiCobas: “Finta soluzione”

30 Aprile 2021

La proposta di Alba srl (datore di lavoro in Fedex-Tnt Piacenza) di ricorrere ad un’agenzia di lavoro interinale per la eventuale ricollocazione su tutta l’Emilia-Romagna dei 300 operai piacentini oggetto della chiusura del sito da parte di Fedex, non piace al sindacato S.I.Cobas che in una nota specifica: “Tale agenzia è ben conosciuta dal S.I.Cobas, avendo già svolto questo ruolo di “facilitazione” all’eliminazione di manodopera per conto della stessa Fedex (allora TNT) dal 2013 ad oggi. Il S.I.Cobas contesta che venga presentata questa agenzia come una soluzione per i lavoratori che hanno visto calpestare lo sforzo e la salute donati a Fedex per oltre vent’anni. Si tratta di una vera e propria provocazione da parte di Fedex. E’ l’ennesima grave mancanza di rispetto da parte della multinazionale americana verso i lavoratori e le istituzioni italiane, dal livello prefettizio a quello ministeriale, oltre ovviamente che verso il sindacato. Da una parte si licenziano 300 lavoratori secondo i propri comodi a costo zero, dall’altra li si sbeffeggia proponendo finte soluzioni con l’utilizzo di agenzie, deresponsabilizzandosi per la situazione gravissima determinata dalla irregolare chiusura del sito piacentino”.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà