Terrepadane rimane a Piacenza. Il presidente uscente Crotti il più votato

20 Maggio 2021

Epilogo delle elezioni del Consorzio Agrario Terrepadane. A prevalere la lista targata Coldiretti-Confagricoltura con una supremazia molto netta, in un rapporto mediamente di 4 a 1.

Come è noto, il Consorzio non prevede il voto di lista e quindi i candidati sono stati votati singolarmente: i risultati presentano una rosa di risultati variabile per la lista vincitrice (in cui erano candidati alcuni consiglieri uscenti tutti di Coldiretti, con altri agricoltori alcuni di Coldiretti e altri di Confagricoltura) da 417 a 385 voti; mentre per l’altra (tutta espressione Coldiretti) il range andava da 116 a 96 voti.

Il fronte sconfitto reagisce: “La mia lista ha vinto” commenta Gabriele Girometta, sindaco di Cortemaggiore candidato nella lista di orientamento proposta da soci Coldiretti e assicura: “Daremo battaglia legale”.

Il presidente uscente Marco Crotti rilascia la sua prima dichiarazione da semplice consigliere (in assoluto il più votato con 417 voti) neoeletto: “Con l’assemblea di oggi – dice – è stata confermata la fiducia nel gruppo dirigente che ha gestito il Consorzio negli ultimi anni e che ha sempre agito esclusivamente nell’interesse della società e dei soci, resistendo ai forti condizionamenti che provenivano dall’esterno”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà