Dal Liceo “Gioia” a Bobbio e San Nicolò, “Il jazz va a scuola” grazie al Jazz Club

24 Maggio 2021

Si apre oggi in tutta Italia la “Settimana della musica a scuola” promossa dal Ministero dell’Istruzione e il Piacenza Jazz Club è nuovamente in prima linea, come già da diversi anni, con un importante coinvolgimento a livello nazionale e diverse azioni su scala locale che, domani e mercoledì, si tradurranno in alcune lezioni-concerto online dedicate agli studenti del Liceo “Gioia”, dell’Istituto comprensivo di Bobbio e quello di San Nicolò, racchiuse nel titolo “Il Jazz va a scuola… dal palco”.

Tre sono i momenti direttamente prodotti dal Piacenza Jazz Club, cui parteciperanno almeno 16 scuole di varie regioni. Domani dalle 11 alle 12 sulla piattaforma Indire (Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa, di cui il vicepresidente del Jazz Club, Angelo Bardini, è ambassador) ecco la lezione multimediale del compositore e trombettista jazz Massimo Nunzi, in collaborazione con il Liceo “Gioia”, scuola polo di “ Avanguardie educative ”, dal titolo “A qualcuno piace Fred”, dedicata al centenario della nascita di Fred Buscaglione, realizzata all’interno del bando SIAE “Per chi crea” con il concorso delle band del Liceo e del gruppo dei Buscaja, la più autorevole band nella rilettura di Buscaglione.

Dal Milestone Jazz Club si terranno invece in presenza e live streaming due concerti il 25 maggio e un terzo il 26 maggio: quelli del 25 grazie al coinvolgimento dell’Istituto di Bobbio e dell’Istituto di San Nicolò, mentre il terzo in collegamento con il Liceo Gioia di Piacenza, ma altre scuole potranno usufruire degli spettacoli collegandosi direttamente dalle loro classi (scrivere una mail a: [email protected]). A suonare in entrambe le situazioni il Milestone 5et, guidato da Gianni Azzali al sax, con Gianni Satta alla tromba, Giovanni Guerretti al pianoforte, Mauro Sereno al contrabbasso e Luca Mezzadri alla batteria.

IL SERVIZIO COMPLETO DI PIETRO CORVI SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà