Ballottaggio, Tarasconi incontra ApP: distanti su Cittadella, logistica e Pertite

24 Giugno 2022

Dopo le forti tensioni, ieri sera si è svolto l’incontro tra la coalizione Alternativa per Piacenza di Stefano Cugini e la candidata a sindaco del centrosinistra Katia Tarasconi, che sfiderà Patrizia Barbieri al ballottaggio di questa domenica. Durante la campagna elettorale i due schieramenti si sono scontrati in più occasioni. Adesso, dunque, il tentativo di riappacificazione in vista del voto decisivo per la guida di Palazzo Mercanti.

“Alternativa per Piacenza è stata chiara fin dal principio e non si è mai spostata dalla sua traiettoria – si legge in una nota di ApP – in questi giorni, ci ha mosso la convinzione che in politica è meglio distillare le esperienze utili a maturare, e non coltivare rancori. La mediazione per il bene della città è una strada naturale, a condizione però di non compromettersi in attendibilità. Così abbiamo fatto, accogliendo Tarasconi in assemblea, per ribadire il carattere maturo e responsabile di chi non si sottrae al confronto nemmeno in extremis. Ci è parso quindi necessario sentire la sua opinione su quanto ancora ci distanzia: Pug partecipato, espansione logistica, Terre Padane, piazza Cittadella, teleriscaldamento ed ex Pertite. Per recuperare i molti delusi – prosegue la coalizione di Cugini – serve credibilità. Siamo genuini e idealisti, non adatti a fare i sudditi devoti alla figura forte sola al comando o ai ristretti circoli che calano dall’alto le decisioni. Scegliamo dunque di restare autonomi, per costruire la casa comune di una sinistra non settaria e pregiudiziale, inclusiva di ogni sensibilità, purché nel perimetro di una scelta di campo netta e senza posizioni ambigue. Saremo forza di opposizione costruttiva ma puntuale e lavoreremo per diventare sempre più un riferimento per chi si riconosce nei valori del centro-sinistra ma non nelle forze che attualmente dominano la scena, che a quei valori hanno spesso voltato le spalle.
Autonomi non significa però equidistanti. Con questa consapevolezza, invitando a riscoprire il diritto di voto quale grande conquista democratica, ogni cittadino deciderà il da farsi in coscienza”.

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà