Cane Ector in adozione? I social si dividono. Replica l’ex assessore Zandonella

09 Luglio 2022

“Il neosindaco Katia Tarasconi annuncia che non ci sarà più una delega alla sicurezza e che il cane antidroga Ector verrà probabilmente dato in adozione, perché non è giusto che continui a pesare sulla collettività. Cosa dite: secondo voi, manterrà la stessa coerenza con chi pesa realmente sulla collettività?”. Così il leghista Luca Zandonella, ex assessore della giunta Barbieri che aveva istituito l’unità cinofila della polizia municipale, replica su Facebook alla decisione del primo cittadino di “licenziare” l’agente a quattro-zampe. Tarasconi, infatti, lo ha detto in un’intervista rilasciata a Libertà e Telelibertà nei giorni scorsi.

Non mancano nemmeno le reazioni sui social network, tra chi difende l’unità cinofila (“Con tutti i parassiti che abbiamo in città, devo sentire il sindaco dire che il cane antidroga grava sulla collettività…”, scrive qualcuno su Facebook”) e chi la pensa in maniera opposta (“Sono felice che una delle prime scelte di Tarasconi sia quella di fare adottare l’inutile e costoso Ector, curioso esperimento che ha reso zero servizi alla città”).

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2022 Editoriale Libertà