Sicurezza nelle scuole, in arrivo le telecamere. Avanti l’iter per il nuovo campus

26 Luglio 2022

Nuove telecamere di videosorveglianza all’esterno delle scuole superiori piacentine. Via libera oggi in consiglio provinciale all’installazione degli impianti di sicurezza negli istituti del territorio. “È una richiesta che arriva dai presidi – spiega Paola Galvani, sindaco di Rottofreno e consigliere provinciale con delega all’istruzione – l’intervento sarà finanziato con l’avanzo di amministrazione per 50mila euro”.

Sempre sul fronte scolastico, l’emiciclo di corso Garibaldi ha dato l’ok a un’altra importante novità: il finanziamento delle spese di progettazione per la costruzione di un nuovo plesso superiore nell’area dell’ex Laboratorio Pontieri, dietro a palazzo Farnese, per un milione di euro. “Si fa un passo avanti notevole – sottolinea Galvani – nell’ottica di inaugurare il nuovo istituto nei prossimi due o tre anni”. Non solo. Il consiglio provinciale ha deliberato lo stanziamento di due milioni e 900mila euro per ulteriori lavori di adeguamento antisismico nel liceo Colombini di Piacenza.

ELEZIONI PROVINCIALI – Nel suo primo consiglio provinciale, dopo la decadenza di Patrizia Barbieri, il neopresidente Franco Albertini ha annunciato che le elezioni provinciali si terranno il 24 settembre (il giorno prima delle politiche). Il voto spetta ai sindaci e ai consiglieri dei comuni piacentini, in maniera ponderata.

“CARENZA DI PERSONALE” – “Non so più come gestire le varie attività amministrative – interviene Patrizia Calza, sindaco di Gragnano e consigliere provinciale – c’è un unico dipendente che deve occuparsi di toponomastica, elezioni e altri settori, qualcun altro deve rispondere al telefono alle richieste dei cittadini e intanto preparare i documenti del Pnrr. Sono quasi terrorizzata – estremizza Calza – dalla possibilità di vincere un altro bando. La situazione è fuori controllo, ci sono responsabilità civili, penali e psicologiche. La carenza di personale non è più sostenibile”.

VAL D’AVETO – In val d’Aveto, la manutenzione ordinaria del ponte sul rio Ramorano, al confine tra Piacenza e Genova, diventa a carico della città ligure. Lo ha stabilito oggi il consiglio provinciale. L’ente del nostro territorio s’impegna invece a effettuare un intervento di sistemazione straordinaria già finanziato da un contributo statale.

DIGA DEL BRUGNETO – Il consigliere provinciale Giampaolo Maloberti ha comunicato che c’è il parere tecnico di Iren favorevole al rilascio di ulteriore acqua dalla diga del Brugneto a favore di Piacenza, senza compromettere il territorio genovese. Qui maggiori dettagli.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2022 Editoriale Libertà