Ciclismo su pista, Donegà e Moro leader della Sei Giorni. Stasera gran finale

06 Agosto 2022

Foto di Claudio Cavalli

Non cambiano i “padroni” della Sei Giorni delle Rose Inter-nazionale di Fiorenzuola, che ieri ha visto la penultima giornata di gare al velodromo “Attilio Pavesi”. La quinta serata, solo minacciata da un temporale (qualche goccia per qualche minuto all’ora di cena), ha visto ancora tanto spettacolo, con i riflettori che erano puntati sulla gara a coppie maschile. Giovedì in apertura la prima maglia da leader Siderpighi era andata a due giovani azzurri, il ferrarese Matteo Donegà e il bergamasco Stefano Moro, mentre l’attesissimo Filippo Ganna aveva debuttato con un ottimo secondo posto in coppia con un altro azzurro di spessore come Michele Scartezzini.

Quest’ultima coppia targata Caffè Ramenzoni è salita in cattedra ieri in prima serata, facendo la voce grossa nell’Americana sulla distanza di 75 giri (e 15 sprint). In una corsa vivace e incerta fino alla fine, Ganna e Scartezzini hanno fatto la differenza nel finale, quando una sontuosa accelerazione di “SuperPippo” ha regalato il punteggio doppio dell’ultima volata (10 punti), permettendo di conquistare la Madison. Secondo posto per i polacchi Bartosz Rudyk-Daniel Stanisewski (Acef), mentre terzi sono giunti Donegà e Moro (Alu Tecno), leader della prima serata.

I giochi per la maglia bianca Siderpighi si sono decisi nella gara conclusiva della serata, il Giro Lanciato. Applausi a scena aperta per la performance del giovane parmense Mattia Pinazzi, sceso sotto il muro dei 21 secondi (20” 897). Un “tempone” quello di Pinazzi (in coppia con Davide Boscaro) che alla riga del totale nessuno è riuscito a battere, nemmeno i leader di giovedì Donegà-Moro (terzi) e Ganna-Scartezzini (settimi). Con il doppio terzo posto di giornata, Donegà e Moro hanno difeso la leadership, presentandosi così in maglia Siderpighi anche alla serata conclusiva di oggi con 3 punti di vantaggio di Ganna-Scartezzini.

La penultima giornata di gare al velodromo “Attilio Pavesi” ha visto anche due gare femminili di classe 1 UCI. In apertura di serata, lo Scratch, con la doppietta polacca firmata dalla vincitrice Nikola Wielowska e dalla seconda classificata Nikol Plosaj, mentre il podio è stato completato dalla veneta Francesca Selva. Ancora doppietta polacca anche nell’Eliminazione, vinta da Patrycja Lorkowska davanti alla “solita” Plosaj. Terza la spagnola Ziortsa Isasi Cristobal, che proprio ieri festeggiava il ventisettesimo compleanno.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà