Farini punta sull’accoglienza degli amanti delle biciclette

14 Febbraio 2021

Il rilancio turistico di Farini passa attraverso l’attività ciclistica. “Farini Bike” è la denominazione del progetto di accoglienza e servizi per cicloturisti che è stato portato a termine dal Comune, con finanziamento di 50mila euro dal Programma di sviluppo rurale-Gal del Ducato.

Due piccoli edifici tra il municipio e il torrente Nure, nell’area ex industriale, sono stati recuperati e saranno destinati all’accoglienza degli amanti delle due ruote.

Le due piccole strutture in passato erano utilizzate come deposito e per i servizi igienici. Ora, in uno di questi sono stati realizzati spogliatoi e un locale di manutenzione per le biciclette, nell’altro tre bagni dotati di docce. I due edifici sono stati uniti da un piccolo portico che uniforma il complesso.

I lavori, partiti nel 2020, si sono subito interrotti a causa del lockdown, e sono stati completati a fine 2020. Si attende ora il collaudo delle opere da parte del Gal del Ducato e il successivo affidamento della gestione, che potrebbe andare ad un’associazione del territorio.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà