Studenti in corteo contro il governo Monti: “Noi la crisi non la paghiamo”

05 Ottobre 2012

Un momento del corteo di oggi

Un corteo studentesco con una cinquantina di partecipanti ha attraversato questa mattina il centro storico, dal liceo Gioia fino al Facsal. A organizzarlo è stato il Network antagonista piacentino per protestare contro la politica del governo Monti, in particolare contro le decisioni prese nel campo scolastico.
Tutto è filato liscio, tra musica, bandiere, striscioni e cori, in particolare contro Monti e la Lega Nord. Passando di fronte a un istituto di credito, qualcuno ha lanciato due uova contro la vetrina, ma non è stato individuato dalle forze dell’ordine, presenti in numero massiccio per evitare problemi.
“Negli ultimi anni il sistema scolastico e della formazione è stato smantellato – hanno detto i giovani manifestati – impedendo alle giovani generazioni di crearsi un futuro: ma non siamo noi a dover pagare il prezzo della crisi creata da altri. Purtroppo il governo Monti non sta facendo nulla per migliorare la situazione, anzi con i continui e pensanti tagli l’ha resa ancora peggiore”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà