Provincia

Intossicato da monossido, muore 68enne

24 ottobre 2012

AGGIORNAMENTO DI GIOVEDI’ 25 OTTOBRE

Il killer silenzioso non gli ha lasciato scampo; Mario Fantini, 68 anni, residente a San Nicolò è stato ucciso dal monossido di carbonio mentre stava facendo la doccia nella sua villetta di campagna a Pianello.
A far scattare l’allarme è stata la moglie, preoccupata dal ritardo del marito che non rispondeva al cellulare: La donna ha chiesto l’aiuto dei suoi vicini di casa che hanno raggiunto la casa di Pianello, dove hanno bussato senza ottenere risposta.
Insospettiti da dei rumori provenienti dal bagno dell’abitazione si sono fatti prestare una scale e una volta entrati dalla finestra hanno fatto la tragica scoperta; Mario Fantini era riverso nella doccia, il corpo immobile senza vita.
L’uomo si è subito accorto che nella stanza mancava l’aria e si faticava a respirare, ha provato a rianimare Fantini con un massaggio cardiaco ma per lui non c’era più nulla da fare.
Sul posto sono intervenuti 118 i carabinieri di Pianello e i vigili del fuoco che hanno rilevato che tutto lo stabile era stato invaso dal gas assassino, i pompieri hanno sigillato le bombole e messo in sicurezza la struttura.
Le prime verifiche dei carabinieri e dei vigili del fuoco hanno rilevato che la morte è stata causata dal malfunzionamento della stufa che avrebbe rilasciato il gas a causa di un ostruzione presente nella canna fumaria. Dalla Procura manca ancora il nulla osta per i funerali.

NOTIZIA DI MERCOLEDI’ 24 OTTOBRE

Mario Fantini, 68 anni, residente a Rottofreno, è morto a causa di un’intossicazione da monossido di carbonio nella sua abitazione a Case Gramonti, nel comune di Pianello. Sembra che a causare la morte dell’uomo sia stato il malfunzionamento di una vecchia stufa alimentata a gas. Probabilmente un guasto ha provocato la saturazione della casa con il gas Killer. L’uomo stava facendo la doccia e per lui non c’è stato nulla da fare. Sul posto il 118, i vigili del fuoco di Castelsangiovanni e i carabinieri di Pianello.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE