Piacenza

Casa di cura San Giuseppe, preoccupazione tra i 130 lavoratori

15 novembre 2012


“La società ha mostrato delle aperture nei confronti delle esigenze del personale, ma restano delle criticità ancora da chiarire”; a parlare è il sindacalista Alberto Canepari, a nome di Cgil Cisl e Uil che oggi pomeriggio hanno incontrato i lavoratori della casa di cura e i vertici della società Icos Gestioni, che dal prossimo anno prenderà in mano le redini della struttura sanitaria.

L’”assorbimento” della casa di cura, da parte dell’azienda di Reggio Emilia, aveva suscitato la preoccupazione degli oltre 100 dipendenti- tra infermieri, paramedici e personale socio-sanitario- i quali temevano che il passaggio di consegna comportasse tagli al personale.

I timori maggiori riguardavano l’intenzione di Icos Gestioni di confermare l’assunzione del personale solo dopo un periodo di prova iniziale e una certa reticenza espressa della società nell’assumere anche i dipendenti che in questo momento si trovano in maternità o in aspettativa dal lavoro.

“Stiamo lavorando per garantire a tutti la stessa occupazione” ha commentato Canepari “ ci incontreremo nuovamente con l’azienda a Dicembre, per capire se le richieste dei lavoratori sono state accolte”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE