Piacenza

Seta: 36 sanzioni da Tempi Agenzia. Odorici: “Presto nuovi bus”

16 novembre 2012

Si é concluso il consiglio provinciale, in seduta aperta, con i vertici di Seta Spa e Tempi Agenzia srl per discutere dei disservizi del trasporto pubblico locale.

“Dal 22 al 25 ottobre sono “saltate” trentasei corse complessive sulla linea urbana ed extraurbana, ha spiegato Gianluca Micconi, presidente di Tempi, “in merito presenteremo all’azienda altrettante sanzioni per il mancato rispetto del contratto del servizio”.
L importo di ogni sanzione si aggirerebbe sui duemila euro. In totale Seta potrebbe trovarsi a pagare una multa di circa 72.000 euro.

In consiglio provinciale sono intervenuti anche Enzo Moggi di Uil trasporti e Ortensia Martini, rappresentante dei genitori degli studenti che utilizzano i pullman per raggiungere le scuole.
La possibilità di far parlare di fronte al consiglio, il rappresentante sindacale dei dipendenti di Seta -una ventina quelli presenti oggi pomeriggio in sala Garibaldi – è stata votata all’unanimità dal consiglio provinciale.
Ortensia Martini ha illustrato una lunga serie di problematiche vissute quotidianamente dai pendolari; in particolare lo stato di sovraffollamento dei pullman che determina un vero e proprio rischio sicurezza per i ragazzi.
Secondo il sindacalista Enzo Moggi anche i servizi di trasporto scolastici della provincia di Piacenza dovrebbero essere affidati a Seta, in modo da allentare le difficoltà dei comuni nel gestire i servizi e al tempo stesso allargare la rete dell’azienda.
Inoltre, ha aggiunto Moggi, dovrebbe esse perseguito il progetto di azienda unica regionale, così com’era negli obiettivi originari degli enti coinvolti e della regione Emilia Romagna.
Precedentemente era intervenuto anche Il presidente di Seta, Pietro Odorici, che ha messo in luce come alcune problematiche siano sorte dalla difficoltà di allineare le tipologie differenti di contratto dei lavoratori di Piacenza, Reggio Emilia e Modena e che spera che gli incontri con la Regione Emilia Romagna possano portare alcune soluzioni. Odorici ha inoltre annunciato che dal primo gennaio 2013 dovrebbe entrare in funzione la tariffa unica per Piacenza, Reggio Emilia e Modena.

Massimo Garibaldi, del cda di Seta ha illustrato alcuni numeri dell’attività dell’azienda nel 2012; il capitale della società, al termine degli assorbimenti, è di 12 milioni e mezzo.
La perdita è stata di di tre milioni e mezzo, rispetto ai tre milioni preventivati dal piano industriale, mentre il numero dei viaggiatori a Piacenza è calato del 3%.

Al termine del dibattimento, che ha visto numerosi interventi bipartisan dei consiglieri provinciali per illustrare la gravità dei disservizi, il presidente di Seta, Pietro Odorici ha ripreso la parola.

“Riconosciamo che ci sono stati dei problemi nell’erogazione del servizio; l’azienda ha in programma un investimento da 6,5 milioni di euro per l’acquisto di nuovi mezzi ed una parte sarà convogliata a Piacenza, a cui erano stati promessi 18 nuovi pullman”ha spiegato Odorici, “gli investimenti interesseranno anche la nuova tecnologia satellitare che permetterà di garantire un’alta qualità dei servizi”
Massimo Garibaldi ha parlato di difficoltà legate ad una aggregazione forzata delle aziende avvenuta in tempi troppo stretti e che deve ancora trovare all’interno un giusto equilibrio.
“Inoltre a Piacenza gli introiti sono stati più bassi che in altre città e nonostante tutto i contributi degli enti locali non sono mai aumentati” ha aggiunto Garibaldi.
Le conclusioni dell’ incontro sono state tirate dall’assessore al bilancio Paolo Passoni: ” nessuno si aspettava che le cose andassero così male, mi aspetto che la società risolva assolutamente il problema del sovraffollamento per l inizio del prossimo anno scolastico” ha commentato Passoni.
” Propongo che venga fatta un’ indagine, con l’aiuto del comune di Piacenza e Tempi agenzia, per la ridistribuzione dei chilometri, in modo che alcune corse, spesso deserte come quelle dei comuni della montagna, possano essere impiegate per tratti critici.

 

 

 

 

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE