Chiude il maglificio Malo di Borgonovo,
59 posti a rischio

25 Marzo 2013

Chiudono i due stabilimenti della Malo di Borgonovo, specializzati in maglierie di alta qualità e produttori di lana. Sono cinquantanove i dipendenti – la stragrande maggioranza donne – coinvolti dalla decisione, presa senza preavviso dai vertici societari, nella sede di Firenze, dove il sindacato ha ricevuto venerdì l’annuncio ufficiale. Domani, i dipendenti cercheranno di far sentire la propria voce davanti ai cancelli, proclamando uno sciopero di otto ore.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà