Piacenza

Basilica Sant’Antonino: servono 20mila euro per l’accesso disabili

26 aprile 2013

Comune e Soprintendenza dei beni artistici hanno considerato troppo “brutto” l’ingresso dei disabili per quella piazza Sant’Antonino così tanto pulita e riqualificata. E così la rampa provvisoria che fino a due anni fa permetteva ai cittadini diversamente abili di accedere alla Basilica del patrono è stata rimossa durante i lavori e mai più ricollocata.  “La rampa è stata giudicata esteticamente in contrasto con il nuovo aspetto della piazza” – ha spiegato il parroco don Giuseppe Basini –  il quale ha presentato alle autorità competenti numerosi progetti per restituire, a uno dei portoni principali della chiesa, l’accesso per disabili. L’unica soluzione che è stata approvata e concessa è quella di creare un’entrata secondaria in via Scalabrini, opera che comporta però l’abbattimento di parte di un muretto ottocentesco, lo spostamento di alcuni contatori e dei tubi del gas: “Il progetto verrà a costare tra i 15.000 e i 20.000 euro, per realizzarlo abbiamo bisogno dell’aiuto della popolazione. La rampa è al servizio non solo dei disabili ma anche degli anziani e delle mamme con passeggino e vorremmo poterla inaugurare, così come il Chiostro, in occasione della festa del Santo patrono” –  ha concluso don Basini.

Intanto il 4 luglio i piacentini potranno nuovamente ammirare il chiostro quattrocentesco della Basilica, tornato all’antico splendore dopo oltre un anno e mezzo di lavori di restauro e di consolidamento della struttura. Il taglio del nastro, accompagnato da un concerto, si terrà nel corso delle manifestazioni antoniniane, un’iniziativa che prevede un seguito; in futuro Don Basini spera di poter promuovere, in armonia con la natura dell’area, altre iniziative culturali e musicali, aperte a tutti i cittadini.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE