Il pm Colonna: “Condannate Filosa a 12 anni. Fumagalli va assolto”

11 Luglio 2013

Alfonso Filosa

Il pubblico ministero Antonio Colonna ha chiesto 12 anni di reclusione per Alfonso Filosa, l’ex responsabile della Direzione provinciale del lavoro accusato di corruzione, concussione e rivelazione di segreto d’ufficio: l’ex funzionario pubblico, secondo gli inquirenti, riceveva mazzette per avvertire gli imprenditori che lo pagavano dell’arrivo dei controlli degli ispettori e interveniva per ammorbidire l’esito delle verifiche. Non solo: avrebbe utilizzato il proprio ruolo per ottenere denaro e altri benefici, come viaggi, da alcune aziende, imponendo anche consulenze fittizie con la società di cui era socio assieme alla figlia. Oggi il pm ha concluso la sua requisitoria con la pesante richiesta di pena, chiedendo la condanna per 12 dei 17 capi di imputazione.

Altro imputato è l’imprenditore Morgan Fumagalli, accusato di aver corrotto Filosa con una tangente, finalizzata secondo la Procura proprio a non avere problemi con i controlli della Direzione provinciale del lavoro: per lui Colonna ha chiesto l’assoluzione, accogliendo quindi la tesi della difesa che ha definito Fumagalli concusso da Filosa, quindi obbligato a pagare.

La parola passa ora alle difese, che hanno sempre sostenuto l’assoluta estraneità ai fatti dei loro assistiti: prossima udienza il 18 luglio.

Il collegio giudicante è composto dal presidente Italo Ghitti, con a latere Elena Stoppini e Maurizio Boselli.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà