Bando per giornalisti, Dosi: “Nessuna prevaricazione. Lo riformuleremo”

31 Gennaio 2014

Ritiro giunta Dosi al Municipale

“Riformuleremo il bando. E’ stata data eccessiva enfasi a un’iniziativa regionale con precedenti in altre realtà italiane rivolta semplicemente a un percorso di ricerca e di condivisione con i giornalisti. Non volevamo prevaricare chi fa informazione, ma viste le reazioni, lasceremo scadere oggi il bando e da domani rivedremo la proposta”. Così il sindaco di Piacenza Paolo Dosi parla dell’incarico che il Comune intende affidare a un giornalista con lo scopo di “costituire un network fra il mondo dell’informazione locale e gli operatori della sicurezza, utile a veicolare dati e notizie corretti per evitare di stimolare sentimenti incontrollati di paura tali da sfociare in comportamenti incontrollati o discriminatori”. L’incarico, con compenso lordo di 9.643 euro per sette mesi, è finito lunedì nel mirino di Tommaso Foti di Fratelli d’Italia e ha scatenato le perplessità di Fnsi e Aser, sconcertati da un’iniziativa che a loro avviso ”pare concepita per addomesticare” o imbavagliare l’informazione su temi tanto importanti in ambito locale quali la cronaca nera e la sicurezza”. Interpellato al riguardo il primo cittadino si è detto pronto a ritoccare il bando, sul quale da domani verrà avviata una riflessione.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà