Partita la prova Invalsi per gli studenti piacentini. Il 19 giugno gran finale

06 Maggio 2014

Tetto della Vittorino (2)

Sono partite stamattina senza particolari difficoltà, nonostante le polemiche sollevate dei Cobas, le prove Invalsi per centinaia di studenti piacentini, chiamati da oggi, assieme ad altri 2 milioni di studenti italiani, ad affrontare il test ministeriale per la valutazione delle competenze in italiano e matematica.

Stamattina sono stati coinvolti gli alunni delle seconde e delle quinte elementari che si sono dovuti cimentare con la prova preliminare di lettura (decodifica strumentale) e quella di italiano. Domani arriverà la sfida con la matematica e con il questionario studente. Oggi, soltanto nelle primarie della città, sono stati circa 1.500 gli alunni sottoposti all’Invalsi 2014. Gran finale previsto il 19 giugno con la prova nazionale cui saranno sottoposti gli studenti alle prese con gli esami di licenza media. Questionari rigorosamente chiusi in cassaforte al Terzo Circolo di via Taverna, dove da questa mattina sono stati 340 circa gli alunni delle seconde e delle quinte appartenenti ai quattro plessi ad affrontare la prova. Settantacinque i minuti a disposizione per gli alunni di quinta per completare il test, 45 i minuti per i colleghi di seconda. «Le prove – ha sottolineato la dirigente Lidia Pastorini (Quinto Circolo, dove gli alunni coinvolti sono 225) – devono arrivare da docenti di una classe diversa, e di materia che non sia quella oggetto del test.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà