Aggressione al Ciano. I residenti: “Se torna, ci incateniamo”

06 Agosto 2014

GIIPIA0a012020140709

“Se lui torna noi ci incateniamo sotto al Comune”. E’ rivolta nel quartiere Ciano, tra le case popolari di via San Sepolcro. Dopo che un 50enne milanese ha aggredito una donna di 71 anni domenica, brandendo un coltello, i cittadini hanno chiesto che vengano presi provvedimenti definitivi: “Ormai chiamiamo le forze dell’ordine ogni giorno – hanno detto i cittadini -. Questa è un’isola felice, qui ci sono i bambini, gli anziani: non vogliamo che una sola persona rovini tutto questo”. L’uomo era stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale, minacce e danneggiamento e successivamente sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio. Ma fra una decina di giorni potrebbe tornare in libertà.

L’assessore comunale Stefano Cugini garantisce come la situazione sia monitorata. “Comprendo l’insicurezza delle persone, non passa giorno in cui non si stia cercando una soluzione – spiega . Questa ha però dei tempi tecnici: il rispetto della procedura è a garanzia di tutti. Dopo l’ultimo grave episodio di domenica è certo che questa persona non potrà più vivere in via San Sepolcro”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà