“Il Corso resti a due sensi”: raccolta firme dei commercianti

24 Aprile 2015

20150423-234927.jpg

A Piacenza nuovo progetto alternativo per il tratto del Corso che dal Facsal arriva al Dolmen. Porta la firma di una quarantina di operatori commerciali e propone la viabilità a due sensi, senza piste ciclabili e con l’obbligo per le auto di andare a passo d’uomo. L’idea è quella di un’area condivisa, una zona dove pedoni, ciclisti e automobilisti possano coabitare serenamente. Il Comune si dice pronto al confronto.
Su Libertà di oggi due pagine di approfondimento.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà