I sindacati del trasporto pubblico bacchettano i sindaci “dissidenti”

08 Maggio 2015

20150508-015916.jpg

Sindacati uniti nel “richiamare” i sei sindaci che non hanno aderito alla proposta della Provincia. Claudio Chiesa della Filt-Cgil, Antonio Postorino della Fit-Cisl, Enzo Moggi della Uilt-Uil, Osvaldo Casali della Ugl. Trsp e Fabrizio Badagnani della Faisa-Cisal, dopo aver seguito in silenzio la cronaca locale sul servizio di trasporto pubblico, esprimono la propria posizione.

“Riteniamo che l’astensione al concorso finanziario, anche di un solo Comune, sia una cosa preoccupante perché sono in gioco il futuro e i posti di lavoro di centinaia di lavoratori, oltre all’enorme danno che si arrecherebbe ai cittadini che usufruiscono del servizio”. E sulla qualità del servizio offerto, additato da tanti come “non efficiente” e “carente”, i sindacati dichiarano: “È il massimo che possiamo permetterci, con le risorse messe a disposizione dallo Stato, dalle Regioni e dai Comuni”.

I SERVIZI COMPLETI OGGI SU LIBERTÀ

© Copyright 2021 Editoriale Libertà