Festa della Repubblica, le foto della cerimonia in piazza S.Antonino

02 Giugno 2015

IMG_2445.JPG

Un grande tricolore portato e sorretto dagli studenti. È questa l’immagine simbolo della cerimonia della festa della Repubblica andata in scena questa mattina in piazza Sant’Antonino. Dopo la lettura del messaggio del presidente della Repubblica, il prefetto Anna Palombi ha sottolineato come la coesione sociale e il dialogo siano essenziali nella vita civile di uno Stato.

Anche a Gazzola é stato celebrato il 2 giugno grazie all’impegno del gruppo alpini locale e della sezione di Piozzano. Le penne nere del presidente Leopoldo Gogni hanno dato vita ad un pomeriggio tra preghiera, raccoglimento ma anche convivialità e  che ha visto la partecipazione anche degli alunni della scuola primaria di Gazzola. Proprio a questi ultimi hanno ricevuto in dono dagli alpini materiale didattico che è stato consegnato proprio durante le celebrazioni per la festa della Repubblica. Presente anche il presidente provinciale Roberto Lupi, il predecessore Bruno Plucani e il maggiore David Vannucci.

IMG_2480

Notizia delle 6
Si celebra oggi alle 11, in piazza Sant’Antonino, il 69° Anniversario della Festa della Repubblica, con rassegna ai reparti, alzabandiera, lettura del messaggio del Presidente della Repubblica e saluto del Prefetto.

In questa occasione i Musei civici di Palazzo Farnese saranno aperti al pubblico con ingresso gratuito dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Nel pomeriggio, alle 18, presso la Prefettura, avverrà la cerimonia di consegna delle onorificenze di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana e delle Medaglie d’Onore concesse dal Presidente della Repubblica.

In provincia le manifestazioni per la ricorrenza si terranno a:

Fiorenzuola D’Arda, teatro Verdi, ore 21, concerto celebrativo di Zambruno, Cardinali e Malfatto.
Gazzola, pomeriggio di preghiera e di festa con gli Alpini di Piozzano e i ragazzi della scuola primaria.
Lugagnano Val D’Arda, ore 11, Coro Montegiogo e Alpini sul “Crocione”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà